[vc_row row_type=”row” type=”grid” icon_pack=”font_awesome” content_menu_fe_icon=”arrow_back” text_align=”left” padding_top=”50″ padding_bottom=”103″ background_color=”#ffffff”][vc_column width=”1/1″][custom_font font_size=”32″ line_height=”27″ font_style=”normal” text_align=”center” font_weight=”300″ text_decoration=”none” text_shadow=”no” padding=”0″ margin=”0″ color=”#696969″]

Wed in Wonderland

[/custom_font][vc_separator type=”small” position=”center” color=”#ffffff” up=”25″ down=”25″ thickness=”5″][vc_gallery type=”image_grid” interval=”3″ images=”20536,20537,20538,20540,20541″ onclick=”link_image” custom_links_target=”_self” column_number=”5″ grayscale=”no” choose_frame=”default” img_size=”300×300″][vc_separator type=”small” position=”center” color=”#ffffff” up=”25″ down=”25″ thickness=”5″][vc_column_text]Quando ho capito che nella mia vita avrei organizzato matrimoni pensavo ad ambientazioni da fate, da mondo dei balocchi, da Paese delle Meraviglie.

Il nome “Marryville” viene infatti da li, dalla meraviglia.

Questo tipo di matrimonio è perfetto per le coppie che vogliono sposarsi a Venezia e possiedono una spiccata sensibilità artistica![/vc_column_text][vc_separator type=”small” position=”center” color=”#ffffff” up=”25″ down=”25″ thickness=”5″][vc_gallery type=”image_grid” interval=”3″ images=”20531,20532,20515,20516,20519,20520″ onclick=”link_no” custom_links_target=”_self” column_number=”0″ grayscale=”no” choose_frame=”default” img_size=”45×10″][vc_separator type=”small” position=”center” color=”#ffffff” up=”25″ down=”25″ thickness=”5″][vc_column_text]

STORYTELLING

 

Il primo matrimonio  “Wed In Wonderland” è legato ad una coppia di cari amici, lei pittrice e lui disegnatore di fumetti.

 Un giorno mi chiesero di organizzare il matrimonio “più fantasticamente meravigliante” (così dissero) a cui  avessi mai pensato. Capii subito che per loro avrei davvero dovuto allestire qualcosa di magico.

Era il momento giusto.

Era quello che avevo sempre disegnato nella mia mente, quello che aspettavo.

Gli illustrai il progetto.

In chiesa un percorso con petali di fiori azzurri, rosa, gialli rossi e bianchi tutto affiancato da piccole candele di luce gialla fino all’altare.

A lato, uno per parte, due vasi alti un metro in cristallo trasparente, contenti mele verdi,  appoggiati su dei drappi in raso di seta bianchi a righe nere.  Alla base dei vasi, mandarini e fiori azzurri.

Sulle panche una piccola composizione di mele, uva e rose rosse.

Per la sposa pensai ad un abito appositamente confezionato con bustier a cuore color turchese e una gonna bianca a palloncino lunga fino alle caviglie. Sul capo una lobbia bianca con una fascetta di velo a ricoprire il mento.

Per lo sposo un tait con aggiustamenti sui dettagli .

Gli invitati avrebbero indossato accessori personalizzati. Per gli uomini, occhiali neri grandi, guanti in pelle bianca e cilindri neri. Per le donne rossetto rosso e tacchi retrò.

Il mezzo di trasporto? carrozza coi cavalli!

Location: mi chiesero di trovare un castello medioevale ,nella zona del trevigiano, con molte stanze al piano nobile, tutte da personalizzare.

 Ci sarebbe stata la “sala dei dolci”, con un corner dedicato al “cioccolato e letteratura”, uno alle caramelle e gommosi con lecca lecca a forma di ombrello bianchi e rossi, un carretto dei gelati e un banco di cornetti ripieni di ogni scelta di crema…la “sala della frutta e della verdura” dove frutta, fiori, piante ma anche carciofi, peperoncini e melanzane sarebbero stati protagonisti.

 La “sala degli specchi e delle maschere” era quella che li incuriosiva maggiormente

Quella centrale in cui tutti avrebbero pasteggiato, avrebbe avuto tavoli in legno color ambrato, sopra cui sarebbero state appoggiate corsie a righe bianche e nere (tema ripreso dall’allestimento in chiesa), al centro un’alzata di fiori di sferzanti azzurri, fucsia, bianchi e rossi e verdi.

Nel parco che ospitava l’aperitivo, sarebbero stati segnalati sentieri costeggiati da fiori freschi, petali di rose e uva, oltre che da candele di luce calda, sempre suggestive!

Il cibo? Nel paese delle meraviglie non si può che aver servito cibo dal gusto magico. Un cuoco particolarmente rinomato e di fiducia sarebbe stato addetto alla preparazione di tutte le vivande.

Una volta illustrato tutto il progetto, con grande meraviglia, i miei amici dissero “si, vogliamo tutto ciò ed esattamente così! “

Grazie all’aiuto di artigiani di fiducia realizzammo un’atmosfera da favola, da film di Walt Disney.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″][/vc_column][/vc_row]